Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento

PER GLI PSICOLOGI > News

NEWS

REGOLAMENTO EUROPEO IN MATERIA
DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

GENERAL DATA PROTECTION REGULATION

dal 25 maggio 2018

Gentili Colleghi,
in relazione al nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy (2016/679) che entra pienamente in vigore dal 25 maggio 2018 e che indica nuovi obblighi anche per gli psicologi libero professionisti riguardo alle informazioni da trasmettere al paziente/cliente e alle modalità di trattamento e conservazione dei dati raccolti, qui trovate:

-          Il documento di sintesi elaborato dal Consiglio Nazionale degli Psicologi (CNOP) sulla nuova normativa e che vi invitiamo a leggere con attenzione

-          Un fac-simile di informativa da utilizzare con i pazienti/clienti (adattabile alle esigenze particolari del singolo professionista)

-          Un fac-simile di Registro delle procedure utilizzate per garantire una corretta e adeguata conservazione dei dati raccolti (anche qui il singolo professionista adeguerà il fac-simile alla realtà delle sue prestazioni professionali). Tale Registro va aggiornato in caso di modificazioni delle procedure, non va trasmesso ad alcuno ma conservato ed esibito in caso di richiesta.

Leggi il documento di sintesi elaborato
dal Consiglio Nazionale degli Psicologi

Bando provinciale per accedere ai contributi 
per la frequenza di scuole di specializzazione post-lauream

 

Scarica il Bando e il modulo 

 

Gli iscritti sono invitati a versare

la quota 2018 pari a € 165,00 (centosessantacinque)

entro il 31 marzo 2018

L'importo va versato sul conto corrente bancario intestato all’Ordine degli Psicologi di Trento, presso Unicredit Banca, Agenzia 1 di Trento, IBAN IT 13 P 02008 01820 000078632501, indicando come causale “Quota 2018 – nome e cognome”.

***

Novità dal 2017

Dal 2017 c'è una novità legislativa cui anche il nostro Ordine ha dovuto adeguarsi e che riguarda tutte le pubbliche amministrazioni, ordini professionali compresi.

Si tratta del sistema di pagamenti denominato PagoPA (dove PA sta per Pubblica Amministrazione), in base alla normativa prevista dall’art. 5 del Codice dell’Amministrazione Digitale e dall’art.15 del D.L. 179/12 

Ecco come funziona la nuova modalità di pagamento:

  • riceverete, a breve, sulla vostra casella di posta PEC e sulla casella di posta ordinaria, un avviso con il logo dell’Ordine e questo: 

Nell’avviso compaiono i dati dell’Ordine, definito Ente Creditore, i vostri dati personali, raggruppati sotto la dicitura Debitore, l’indicazione della somma dovuta per l’anno 2017 (definita Posizione Debitoria).

  • nella seconda parte dell’avviso viene spiegato cos’è il sistema PagoPA e sono illustrate le diverse modalità di pagamento.
  • Verificate che la vostra Banca abbia aderito al sistema PagoPA e a quali condizioni a questo link http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/pubblica-amministrazione/pagamenti-elettronici/psp-aderenti-elenco?field_psp_denominazione_value=unicredit
  • Modalità online. Basta cliccare all’altezza del primo punto dell’avviso arrivato via mail, dove c’è la dicitura “sul sito web per conto della PA – Ordine degli Psicologi”, e sarete immediatamente indirizzati al Portale PagoDigitale dove potete visualizzare la vostra personale posizione debitoria, con il prospetto dei vostri dati e la somma da pagare e l’indicazione del Codice IUV da riportare. Qui selezionate il tasto blu “Effettua il pagamento”

Compare una schermata dove si può scegliere se pagare con bonfico bancario o con carta di credito o carta prepagata. Le eventuali commissioni dipendono dal contratto con la vostra banca e dalle modalità di adesione della banca stessa.

Attenzione: Resta salva la possibilità di pagare nel modo tradizionale, ovvero effettuare un semplice bonifico bancario pari a € 165,00 sul conto corrente intestato all’Ordine – IBAN IT 13 P 02008 01820 000078632501, indicando come causale “Quota 2018 – nome e cognome”.

           Sistema Tessera Sanitaria 

Il Decreto del Ministero dell’Economia e Finanza del 1° settembre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 13 settembre 2016, ha esteso anche agli Psicologi l’obbligo di trasmettere al Sistema Tessera Sanitaria i dati delle fatture emesse per prestazioni sanitarie a partire dal 1° gennaio 2016.

Per gli iscritti libero professionisti deriva l'obbligo  (solo per le prestazioni sanitarie nei confronti di persone fisiche) di richiedere le credenziali d'accesso al Sistema Tessera Sanitaria: clicca qui per accedere alla richiesta delle credenziali.

Attenzione: La richiesta di credenziali va a buon fine soltanto se il proprio indirizzo di posta PEC
è stato comunicato all'Ordine professionale di appartenenza!!!

Una volta ottenute via PEC le credenziali, è possibile accedere all'AREA RISERVATA del portale STS e procedere con l'inserimento delle fatture emesse nel corso dell'anno precedente.

NB: Per difficoltà tecniche o problemi specifici potete CONTATTARE IL CALL CENTER dell'Agenzia delle Entrate al numero verde 800 030 070 
 http://sistemats1.sanita.finanze.it/wps/portal/portalets/contatti

_____________________________

leggi il decreto

____________________________

 

Sull'opposizione del paziente/cliente

Il paziente - come stabilito dal decreto - può opporsi all'invio dei dati che lo riguardano. In tal caso sarà opportuno registrare sulla parcella tale opposizione, che può avere la forma seguente:

“I dati del presente documento non sono trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria ai fini della predisposizione del mod. 730/Unico precompilato per opposizione del cliente
ex DM
31.7.2015 e art. 7, D. Lgs. N. 196/2003”

La possibilità di annotare la propria apposizione al momento dell’erogazione della prestazione può essere esercitata dal cliente/paziente soltanto per le spese sostenute a partire dal 14/11/2016 (60° giorno successivo alla data di pubblicazione del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 15/9/2016). 
Questo significa che il professionista psicologo sarà tenuto ad inviare telematicamente al STS tutti i dati sanitari delle ricevute emesse fino al 13/11/2016 senza possibilità di consultare il cliente; quest’ultimo per tali spese potrà esercitare solamente il diritto di opposizione attraverso il STS o l’Agenzia delle Entrate. 
Per le ricevute emesse a partire dalla data del 14/11/2016 dovrà invece tenere conto delle opposizioni annotate e quindi escludere queste ultime dall’invio telematico.

Sul diritto di opposizione, e sulle modalità di esercitarlo, a tutela del professionista e dei pazienti, vi invitiamo a leggere attentamente il documento elaborato dalla consulente del CNOP dott.ssa Ricci: "Nota sul diritto di opposizione dei pazienti/clienti"

Qui alcuni documenti di approfondimento sulle novità introdotte dal Sistema Tessera Sanitaria:

Sul portale Sistema Tessera Sanitaria potete trovare alcune FAQ interessanti