Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento

PER GLI PSICOLOGI > Eventi e Formazione

EVENTI E FORMAZIONE

eventi e formazione

Convegno LE FRONTIERE DELLA PSICOANALISI

“La noia”

Lavarone, 28 giugno - 1 luglio 2019

Dal 28 giugno al 1 luglio prossimi Lavarone (TN) ospita una nuova edizione dello storico Congresso “Le frontiere della psicoanalisi” promosso dal Centro Studi Gradiva, dedicato, quest'anno, al tema “La noia”. Un evento di grande interesse culturale che ha l’ambizione di favorire il dialogo tra psicoanalisi e altri ambiti scientifici e culturali. Per più di vent’anni ha permesso a un pubblico ampio ed eterogeneo di partecipare gratuitamente a presentazioni di libri, proiezioni di film, conferenze e dibattiti con ospiti di altissimo livello nazionali e internazionali di diversa formazione.

Le cose umane per loro natura sono composite, ambivalenti, e la noia non fa eccezione. Può essere intesa come una sensazione spiacevole di vuoto, di insoddisfazione, di fastidio, di mancanza di attività, di tempo che non passa mai.
Si tratta di un vuoto che può trasformarsi in spazio da riempire, con quello che emerge da stimoli provenienti dal mondo interno, non solo dal mondo esterno. La modalità creativa della mente può essere preceduta proprio dal non far nulla, dall’otium e dal riposo.
Per Giacomo Leopardi la noia è il più sublime dei sentimenti, sguardo sfocato che dinanzi alla siepe che gli impediva di vedere l’orizzonte, poteva contemplare il proprio mondo interno.
La noia può riferirsi anche al senso di sazietà e di disgusto che nasce dal ripetersi di situazioni uguali, monotone. Anche se non tutte le attività ripetitive sono sentite come noiose, molto dipende da come risuonano nel nostro mondo interno. Bambini e adulti scelgono di ripetere gli stessi giochi, ascoltare le stesse fiabe o guardare infinite stagioni di serie tv, compiere gli stessi rituali e frequentare continuamente i “social”: possono essere attività rassicuranti, causare dipendenza, essere scelte o necessità?

La noia può richiamare al significato latino di “inodiare”, da odium, quindi avere in odio, causare fastidio, seccature, impaccio, e in questo caso può diventare la spinta ad agire e muovere una volontà di cambiamento. E queste sono solo alcune aperture di pensiero. In questa edizione del Convegno abbiamo invitato persone da mondi culturali e scientifici diversi - psicoanalisti, sociologi, etologi, attori, scrittori - per dirci la loro e confrontarsi con il pubblico su questo complesso sentimento e le sue tante sfumature. Si potrà discutere fra noi anche attraverso le immagini di un film e la presentazione di un libro.

La partecipazione al congresso è gratuita e aperta a tutti. Le iscrizioni vanno inviate alla Segreteria organizzativa all'indirizzo lavarone@biblio.infotn.it, che risponderà anche a qualsiasi richiesta di informazioni.

La partecipazione al Congresso è gratuita e aperta a tutti

Scarica la locandina

Per informazioni e iscrizioni: Morena Bertoldi

Biblioteca “Sigmund Freud” - tel. 0464 783832

lavarone@biblio.infotn.it

facebook: @lefrontieredellapsicoanalisi

 

Le sedi del convegno:

Centro Congressi: Via Gionghi, 107 - 38046 LAVARONE

Sala della Biblioteca: Frazione Gionghi, 67 – 38046 LAVARONE

Cinema Dolomiti: Piazza Italia, 26 (frazione Chiesa) - 38046 LAVARONE